FANDOM



Giornata decima - Novella decima

Il marchese di Saluzzo, da'prieghi de'suoi uomini costretto di pigliar moglie, per prenderla a suo modo, piglia una

figliuola d'un villano, della quale ha due figlioli, li quali le fa veduto di uccidergli. Poi, mostrando lei essergli

rincresciuta e avere altra moglie presa, a casa faccendosi ritornare la propria figliuola come se sua moglie fosse, lei

avendo in camicia cacciata e ad ogni cosa trovandola paziente, più cara che mai in casa tornatalasi, i suoi figliuoli

grandi le mostra, e come marchesana l'onora e fa onorare.

Finita la lunga novella del re, molto a tutti nel sembiante piaciuta, Dioneo ridendo disse: - Il buono uomo che aspettava la seguente notte di fare abbassare la coda ritta della fantasima, avrebbe dati men

di due denari di tutte le lode che voi date a messer Torello -; e appresso, sappiendo che a lui solo restava il dire,

incominciò. Mansuete mie donne, per quel che mi paia, questo dì d'oggi è stato dato a re e a soldani e a così fatta gente; e

per ciò, acciò che io troppo da voi non mi scosti, vo'ragionar d'un marchese, non cosa magnifica, ma una matta

bestialità, come che bene ne gli seguisse alla fine. La quale io non consiglio alcun che segua, per ciò che gran

peccato fu che a costui ben n'avvenisse. Già è gran tempo, fu tra'marchesi di Saluzzo il maggior della casa un giovane chiamato Gualtieri, il quale, essendo

senza moglie e senza figliuoli, in niuna altra cosa il suo tempo spendeva che in uccellare e in cacciare, né di

prender moglie né d'aver figliuoli alcun pensiere avea, di che egli era da reputar molto savio. La qual cosa a'suoi

uomini non piacendo, più volte il pregarono che moglie prendesse, acciò che egli senza erede né essi senza signor

rimanessero, offerendosi di trovargliele tale e di sì fatto padre e madre discesa, che buona speranza se ne

potrebbe avere, ed esso contentarsene molto. A'quali Gualtieri rispose: - Amici miei, voi mi strignete a quello che io del tutto aveva disposto di non far mai, considerando quanto grave

cosa sia a poter trovare chi co'suoi costumi ben si convenga, e quanto del contrario sia grande la copia, e come

dura vita sia quella di colui che a donna non bene a sé conveniente s'abbatte. E il dire che voi vi crediate

a'costumi de'padri e delle madri le figliuole conoscere, donde argomentate di darlami tal che mi piacerà, è una

sciocchezza; con ciò sia cosa che io non sappia dove i padri possiate conoscere, né come i segreti delle madri di

quelle; quantunque, pur conoscendoli, sieno spesse volte le figliuole a'padri e alle madri dissimili. Ma poi che pure

in queste catene vi piace d'annodarmi, e io voglio esser contento; e acciò che io non abbia da dolermi d'altrui che

di me, se mal venisse fatto, io stesso ne voglio essere il trovatore, affermandovi che, cui che io mi tolga, se da voi

non fia come donna onorata, voi proverete con gran vostro danno quanto grave mi sia l'aver contra mia voglia

presa mogliere a'vostri prieghi. I valenti uomini risposon ch'eran contenti, sol che esso si recasse a prender moglie. Erano a Gualtieri buona pezza piaciuti i costumi d'una povera giovinetta che d'una villa vicina a casa sua era, e

parendogli bella assai, estimò che con costei dovesse aver vita assai consolata; e per ciò, senza più avanti cercare,

costei propose di volere sposare; e fattosi il padre chiamare, con lui, che poverissimo era, si convenne di torla per

moglie. Fatto questo, fece Gualtieri tutti i suoi amici della contrada adunare, e disse loro: - Amici miei, egli v'è piaciuto e piace che io mi disponga a tor moglie, e io mi vi son disposto più per compiacere a

voi che per disiderio che io di moglie avessi. Voi sapete quello che voi mi prometteste, cioè d'esser contenti e

d'onorar come donna qualunque quella fosse che io togliessi; e per ciò venuto è il tempo che io sono per servare a

voi la promessa, e che io voglio che voi a me la serviate. Io ho trovata una giovane secondo il cuor mio, assai

presso di qui, la quale io intendo di tor per moglie e di menarlami fra qui a pochi dì a casa; e per ciò pensate

come la festa delle nozze sia bella, e come voi onorevolmente ricever la possiate, acciò che io mi possa della

vostra promession chiamar contento, come voi della mia vi potrete chiamare. I buoni uomini lieti tutti risposero ciò piacer loro, e che, fosse chi volesse, essi l'avrebber per donna e

onorerebbonla in tutte cose sì come donna. Appresso questo, tutti si misero in assetto di far bella e grande e lieta

festa, e il simigliante fece Gualtieri. Egli fece preparare le nozze grandissime e belle, e invitarvi molti suoi amici e

parenti e gran gentili uomini e altri dattorno; e oltre a questo fece tagliare e far più robe belle e ricche al dosso

d'una giovane, la quale della persona gli pareva che la giovinetta la quale avea proposto di sposare; e oltre a

questo apparecchiò cinture e anella e una ricca e bella corona, e tutto ciò che a novella sposa si richiedea. E venuto il dì che alle nozze predetto avea, Gualtieri in su la mezza terza montò a cavallo, e ciascuno altro che ad

onorarlo era venuto; e ogni cosa opportuna avendo disposta, disse: - Signori, tempo è d'andare per la novella sposa -; e messosi in via con tutta la compagnia sua pervennero alla

villetta. E giunti a casa del padre della fanciulla, e lei trovata che con acqua tornava dalla fonte in gran fretta, per

andar poi con altre femine a veder venire la sposa di Gualtieri, la quale come Gualtieri vide, chiamatala per nome,

cioè Griselda, domandò dove il padre fosse; al quale ella vergognosamente rispose: - Signor mio, egli è in casa. Allora Gualtieri smontato e comandato ad ogn'uomo che l'aspettasse, solo se n'entrò nella povera casa, dove trovò

il padre di lei che aveva nome Giannucole, e dissegli: - Io son venuto a sposar la Griselda, ma prima da lei voglio sapere alcuna cosa in tua presenzia -; e domandolla

se ella sempre, togliendola egli per moglie, s'ingegnerebbe di compiacergli e di niuna cosa che egli dicesse o

facesse non turbarsi, e s'ella sarebbe obbediente, e simili altre cose assai, delle quali ella a tutte rispose del sì. Allora Gualtieri, presala per mano, la menò fuori, e in presenzia di tutta la sua compagnia e d'ogni altra persona la

fece spogliare ignuda, e fattisi quegli vestimenti venire che fatti aveva fare, prestamente la fece vestire e calzare,

e sopra i suoi capegli così scarmigliati com'egli erano le fece mettere una corona, e appresso questo,

maravigliandosi ogn'uomo di questa cosa, disse: - Signori, costei è colei la quale io intendo che mia moglie sia, dove ella me voglia per marito -; e poi a lei rivolto,

che di sé medesima vergognosa e sospesa stava, le disse: - Griselda, vuo'mi tu per tuo marito? A cui ella rispose: - Signor mio, sì. Ed egli disse: - E io voglio te per mia moglie -; e in presenza di tutti la sposò. E fattala sopra un pallafren montare,

onorevolmente accompagnata a casa la si menò. Quivi furon le nozze belle e grandi e la festa non altramenti che se presa avesse la figliuola del re di Francia. La giovane sposa parve che co'vestimenti insieme l'animo e i costumi mutasse. Ella era, come già dicemmo, di

persona e di viso bella, e così come bella era, divenne tanto avvenevole, tanto piacevole e tanto costumata, che

non figliuola di Giannucole e guardiana di pecore pareva stata, ma d'alcun nobile signore; di che ella faceva

maravigliare ogn'uom che prima conosciuta l'avea. E oltre a questo era tanto obbediente al marito e tanto

servente, che egli si teneva il più contento e il più appagato uomo del mondo; e similmente verso i sudditi del

marito era tanto graziosa e tanto benigna, che niun ve n'era che più che sé non l'amasse e che non l'onorasse di

grado, tutti per lo suo bene e per lo suo stato e per lo suo essaltamento pregando; dicendo, dove dir solieno

Gualtieri aver fatto come poco savio d'averla per moglie presa, che egli era il più savio e il più avveduto uomo che

al mondo fosse; per ciò che niun altro che egli avrebbe mai potuto conoscere l'alta virtù di costei nascosa sotto i

poveri panni e sotto l'abito villesco. E in brieve non solamente nel suo marchesato, ma per tutto, anzi che gran tempo fosse passato, seppe ella sì fare

che ella fece ragionare del suo valore e del suo bene adoperare, e in contrario rivolgere, se alcuna cosa detta s'era

contra 'l marito per lei quando sposata l'avea. Ella non fu guari con Gualtieri dimorata, che ella ingravidò, e al

tempo partorì una fanciulla, di che Gualtieri fece gran festa. Ma poco appresso, entratogli un nuovo pensier nell'animo, cioè di volere con lunga esperienzia e con cose

intollerabili provare la pazienzia di lei, primieramente la punse con parole, mostrandosi turbato e dicendo che i

suoi uomini pessimamente si contentavano di lei per la sua bassa condizione, e spezialmente poi che vedevano

che ella portava figliuoli; e della figliuola che nata era tristissimi, altro che mormorar non facevano. Le quali parole udendo la donna, senza mutar viso o buon proponimento in alcuno atto, disse: - Signor mio, fa di me quello che tu credi che più tuo onore e consolazion sia, ché io sarò di tutto contenta, sì

come colei che conosco che io sono da men di loro, e che io non era degna di questo onore al quale tu per tua

cortesia mi recasti. Questa risposta fu molto cara a Gualtieri, conoscendo costei non essere in alcuna superbia levata, per onor che

egli o altri fatto l'avesse. Poco tempo appresso, avendo con parole generali detto alla moglie che i sudditi non potevan patir quella fanciulla

di lei nata, informato un suo famigliare, il mandò a lei, il quale con assai dolente viso le disse: - Madonna, se io non voglio morire, a me conviene far quello che il mio signor mi comanda. Egli m'ha comandato

che io prenda questa vostra figliuola e ch'io... - e non disse più. La donna, udendo le parole e vedendo il viso del famigliare, e delle parole dette ricordandosi, comprese che a

costui fosse imposto che egli l'uccidesse; per che prestamente presala della culla e baciatala e benedettala, come

che gran noia nel cuor sentisse, senza mutar viso in braccio la pose al famigliare e dissegli: - Te': fa compiutamente quello che il tuo e mio signore t'ha imposto; ma non la lasciar per modo che le bestie e

gli uccelli la divorino, salvo se egli nol ti comandasse. Il famigliare, presa la fanciulla, e fatto a Gualtieri sentire ciò che detto aveva la donna, maravigliandosi egli della

sua costanzia, lui con essa ne mandò a Bologna ad una sua parente, pregandola che, senza mai dire cui figliuola si

fosse, diligentemente l'allevasse e costumasse. Sopravenne appresso che la donna da capo ingravidò, e al tempo debito partorì un figliuol maschio, il che

carissimo fu a Gualtieri; ma, non bastandogli quello che fatto avea, con maggior puntura trafisse la donna, e con

sembiante turbato un dì le disse: - Donna, poscia che tu questo figliuol maschio facesti, per niuna guisa con questi miei viver son potuto, sì

duramente si ramaricano che uno nepote di Giannucole dopo me debba rimaner lor signore; di che io mi dotto, se

io non ci vorrò esser cacciato, che non mi convenga far di quello che io altra volta feci, e alla fine lasciar te e

prendere un'altra moglie. La donna con paziente animo l'ascoltò, né altro rispose se non: - Signor mio, pensa di contentar te e di sodisfare al piacer tuo, e di me non avere pensiere alcuno, per ciò che

niuna cosa m'è cara se non quant'io la veggo a te piacere. Dopo non molti dì Gualtieri, in quella medesima maniera che mandato avea per la figliuola, mandò per lo figliuolo,

e similmente dimostrato d'averlo fatto uccidere, a nutricar nel mandò a Bologna, come la fanciulla aveva

mandata; della qual cosa la donna né altro viso né altre parole fece che della fanciulla fatto avesse; di che

Gualtieri si maravigliava forte e seco stesso affermava niun'altra femina questo poter fare che ella faceva; e se non

fosse che carnalissima de'figliuoli, mentre gli piacea, la vedea, lei avrebbe creduto ciò fare per più non curarsene,

dove come savia lei farlo cognobbe. I sudditi suoi, credendo che egli uccidere avesse fatti i figliuoli, il biasimavan forte e reputavanlo crudele uomo, e

alla donna avevan grandissima compassione; la quale con le donne, le quali con lei de'figliuoli così morti si

condoleano, mai altro non disse se non che quello ne piaceva a lei che a colui che generati gli avea. Ma, essendo più anni passati dopo la natività della fanciulla, parendo tempo a Gualtieri di fare l'ultima pruova

della sofferenza di costei, con molti de'suoi disse che per niuna guisa più sofferir poteva d'aver per moglie Griselda

e che egli cognosceva che male e giovenilmente aveva fatto quando l'aveva presa, e per ciò a suo poter voleva

procacciar col papa che con lui dispensasse che un'altra donna prender potesse e lasciar Griselda; di che egli da

assai buoni uomini fu molto ripreso. A che null'altro rispose, se non che convenia che così fosse. La donna, sentendo queste cose e parendole dovere sperare di ritornare a casa del padre e forse a guardar le

pecore come altra volta aveva fatto e vedere ad un'altra donna tener colui al quale ella voleva tutto il suo bene,

forte in sé medesima si dolea; ma pur, come l'altre ingiurie della fortuna avea sostenute, così con fermo viso si

dispose a questa dover sostenere. Non dopo molto tempo Gualtieri fece venire sue lettere contraffatte da Roma, e fece veduto a'suoi sudditi il papa

per quelle aver seco dispensato di poter torre altra moglie e lasciar Griselda. Per che, fattalasi venir dinanzi, in presenza di molti le disse: - Donna, per concession fattami dal papa, io posso altra donna pigliare e lasciar te; e per ciò che i miei passati

sono stati gran gentili uomini e signori di queste contrade, dove i tuoi stati son sempre lavoratori, io intendo che

tu più mia moglie non sia, ma che tu a casa Giannucole te ne torni con la dote che tu mi recasti, e io poi un'altra,

che trovata n'ho convenevole a me, ce ne menerò. La donna, udendo queste parole, non senza grandissima fatica, oltre alla natura delle femine, ritenne le lagrime, e

rispose: - Signor mio, io conobbi sempre la mia bassa condizione alla vostra nobilità in alcun modo non convenirsi, e quello

che io stata son con voi, da Dio e da voi il riconoscea, né mai, come donatolmi, mio il feci o tenni, ma sempre

l'ebbi come prestatomi; piacevi di rivolerlo, e a me dee piacere e piace di renderlovi; ecco il vostro anello col quale

voi mi sposaste, prendetelo. Comandatemi che io quella dote me ne porti che io ci recai, alla qual cosa fare, né a

voi pagator né a me borsa bisognerà né somiere, per ciò che di mente uscito non m'è che ignuda m'aveste: e se

voi giudicate onesto che quel corpo, nel qual io ho portati figliuoli da voi generati, sia da tutti veduto, io me

n'andrò ignuda; ma io vi priego, in premio della mia verginità, che io ci recai e non ne la porto, che almeno una

sola camicia sopra la dote mia vi piaccia che io portar ne possa. Gualtieri, che maggior voglia di piagnere avea che d'altro, stando pur col viso duro, disse: - E tu una camicia ne porta. Quanti dintorno v'erano il pregavano che egli una roba le donasse, ché non fosse veduta colei, che sua moglie

tredici anni e più era stata, di casa sua così poveramente e così vituperosamente uscire, come era uscirne in

camicia; ma in vano andarono i prieghi; di che la donna, in camicia e scalza e senza alcuna cosa in capo,

accomandatili a Dio, gli uscì di casa, e al padre se ne tornò con lagrime e con pianto di tutti coloro che la videro. Giannucole, che creder non avea mai potuto questo esser vero che Gualtieri la figliuola dovesse tener moglie, e

ogni dì questo caso aspettando guardati l'aveva i panni che spogliati s'avea quella mattina che Gualtieri la sposò;

per che recatigliele ed ella rivestitiglisi, ai piccoli servigi della paterna casa si diede, sì come far soleva, con forte

animo sostenendo il fiero assalto della nimica fortuna. Come Gualtieri questo ebbe fatto, così fece veduto a'suoi che presa aveva una figliuola d'uno dei conti da Panago;

e faccendo fare l'appresto grande per le nozze, mandò per Griselda che a lui venisse, alla quale venuta disse: - Io meno questa donna la quale io ho nuovamente tolta, e intendo in questa sua prima venuta d'onorarla; e tu

sai che io non ho in casa donne che mi sappiano acconciare le camere né fare molte cose che a così fatta festa si

richeggiono; e per ciò tu, che meglio che altra persona queste cose di casa sai, metti in ordine quello che da far ci

è, e quelle donne fa invitare che ti pare, e ricevile come se donna di qui fossi; poi, fatte le nozze, te ne potrai a

casa tua tornare. Come che queste parole fossero tutte coltella al cuore di Griselda, come a colei che non aveva così potuto por giù

l'amore che ella gli portava, come fatto avea la buona fortuna, rispose: - Signor mio, io son presta e apparecchiata. Ed entratasene co'suoi pannicelli romagnuoli e grossi in quella casa, della qual poco avanti era uscita in camicia,

cominciò a spazzare le camere e ordinarle, e a far porre capoletti e pancali per le sale, a fare apprestare la cucina,

e ad ogni cosa, come se una piccola fanticella della casa fosse, porre le mani; né mai ristette che ella ebbe tutto

acconcio e ordinato quanto si convenia. E appresso questo, fatto da parte di Gualtieri invitare tutte le donne della contrada, cominciò ad attender la festa;

e venuto il giorno delle nozze, come che i panni avesse poveri in dosso, con animo e con costume donnesco tutte

le donne che a quelle vennero, e con lieto viso, ricevette. Gualtieri, il quale diligentemente aveva i figliuoli fatti allevare in Bologna alla sua parente, che maritata era in

casa de'conti da Panago, essendo già la fanciulla d'età di dodici anni la più bella cosa che mai si vedesse, e il

fanciullo era di sei, avea mandato a Bologna al parente suo, pregandol che gli piacesse di dovere con questa sua

figliuola e col figliuolo venire a Saluzzo, e ordinare di menare bella e orrevole compagnia con seco, e di dire a tutti

che costei per sua mogliere gli menasse, senza manifestare alcuna cosa ad alcuno chi ella si fosse altramenti. Il gentile uomo, fatto secondo che il marchese il pregava, entrato in cammino, dopo alquanti dì con la fanciulla e

col fratello e con nobile compagnia in su l'ora del desinare giunse a Saluzzo, dove tutti i paesani e molti altri vicini

dattorno trovò, che attendevan questa novella sposa di Gualtieri. La quale dalle donne ricevuta, e nella sala dove erano messe le tavole venuta, Griselda, così come era, le si fece

lietamente incontro dicendo: - Ben venga la mia donna -. Le donne (che molto avevano, ma invano, pregato

Gualtieri che o facesse che la Griselda si stesse in una camera, o che egli alcuna delle robe che sue erano state le

prestasse, acciò che così non andasse davanti a'suoi forestieri) furon messe a tavola, e cominciate a servire. La

fanciulla era guardata da ogn'uomo, e ciascun diceva che Gualtieri aveva fatto buon cambio; ma intra gli altri

Griselda la lodava molto, e lei e il suo fratellino. Gualtieri, al qual pareva pienamente aver veduto quantunque disiderava della pazienza della sua donna, veggendo

che di niente la novità delle cose la cambiava, ed essendo certo ciò per mentecattaggine non avvenire, per ciò che

savia molto la conoscea, gli parve tempo di doverla trarre dell'amaritudine, la quale estimava che ella sotto il forte

viso nascosa tenesse. Per che, fattalasi venire, in presenzia d'ogn'uomo sorridendo le disse: - Che ti par della nostra sposa? - Signor mio, - rispose Griselda - a me ne par molto bene; e se così è savia come ella è bella, che 'l credo, io non

dubito punto che voi non dobbiate con lei vivere il più consolato signore del mondo; ma quanto posso vi priego

che quelle punture, le quali all'altra, che vostra fu, già deste, non diate a questa; ché appena che io creda che ella

le potesse sostenere, sì perché più giovane è, e sì ancora perché in dilicatezze è allevata, ove colei in continue

fatiche da piccolina era stata. Gualtieri, veggendo che ella fermamente credeva costei dovere esser sua moglie, né per ciò in alcuna cosa men

che ben parlava, la si fece sedere allato, e disse: - Griselda, tempo è omai che tu senta frutto della tua lunga pazienza, e che coloro, li quali me hanno reputato

crudele e iniquo e bestiale, conoscano che ciò che io faceva, ad antiveduto fine operava, vogliendo a te insegnar

d'esser moglie e a loro di saperla torre e tenere, e a me partorire perpetua quiete mentre teco a vivere avessi; il

che, quando venni a prender moglie, gran paura ebbi che non mi intervenisse, e per ciò, per prova pigliarne, in

quanti modi tu sai ti punsi e trafissi. E però che io mai non mi sono accorto che in parola né in fatto dal mio piacer

partita ti sii, parendo a me aver di te quella consolazione che io disiderava, intendo di rendere a te ad una ora ciò

che io tra molte ti tolsi, e con somma dolcezza le punture ristorare che io ti diedi; e per ciò con lieto animo prendi

questa, che tu mia sposa credi, e il suo fratello: sono i nostri figliuoli, li quali e tu e molti altri lungamente stimato

avete che io crudelmente uccider facessi; e io sono il tuo marito, il quale sopra ogn'altra cosa t'amo, credendomi

poter dar vanto che niuno altro sia che, sì com'io, si possa di sua moglie contentare. E così detto, l'abbracciò e baciò, e con lei insieme, la qual d'allegrezza piagnea, levatosi, n'andarono là dove la

figliuola tutta stupefatta queste cose ascoltando sedea, e abbracciatala teneramente e il fratello altressì, lei e molti

altri che quivi erano sgannarono. Le donne lietissime levate dalle tavole, con Griselda n'andarono in camera, e con migliore augurio trattile i suoi

pannicelli, d'una nobile roba delle sue la rivestirono, e come donna, la quale ella eziandio negli stracci pareva,

nella sala la rimenarono. E quivi fattasi co'figliuoli maravigliosa festa, essendo ogn'uomo lietissimo di questa cosa, il sollazzo e ' festeggiare

multiplicarono e in più giorni tirarono; e savissimo reputaron Gualtieri, come che troppo reputassero agre e

intollerabili l'esperienze prese della sua donna; e sopra tutti savissima tenner Griselda. Il conte da Panago si tornò dopo alquanti dì a Bologna, e Gualtieri, tolto Giannucole dal suo lavorio, come suocero

il puose in istato, che egli onoratamente e con gran consolazione visse e finì la sua vecchiezza. Ed egli appresso,

maritata altamente la sua figliuola, con Griselda, onorandola sempre quanto più si potea, lungamente e consolato

visse. Che si potrà dir qui, se non che anche nelle povere case piovono dal cielo de'divini spiriti, come nelle reali di

quegli che sarien più degni di guardar porci che d'avere soprauomini signoria? Chi avrebbe, altri che Griselda,

potuto col viso, non solamente asciutto ma lieto, sofferire le rigide e mai più non udite prove da Gualtieri fatte? Al

quale non sarebbe forse stato male investito d'essersi abbattuto a una, che quando fuor di casa l'avesse in camicia

cacciata, s'avesse sì ad un altro fatto scuotere il pelliccione, che riuscita ne fosse una bella roba.


Giornata decima - Conclusione

La novella di Dioneo era finita, e assai le donne, chi d'una parte e chi d'altra tirando, chi biasimando una cosa e

chi un'altra intorno ad essa lodandone, n'avevan favellato, quando il re, levato il viso verso il cielo, e vedendo che

il sole era già basso all'ora di vespro, senza da seder levarsi, così cominciò a parlare: - Adorne donne, come io credo che voi conosciate, il senno de'mortali non consiste solamente nell'avere memoria

le cose preterite o conoscere le presenti, ma per l'una e per l'altra di queste sapere antiveder le future è da'solenni

uomini senno grandissimo reputato. Noi, come voi sapete, domane saranno quindici dì, per dovere alcun diporto pigliare a sostentamento della nostra

sanità e della vita, cessando le malinconie e'dolori e l'angoscie, le quali per la nostra città continuamente, poi che

questo pestilenzioso tempo incominciò, si veggono, uscimmo di Firenze; il che secondo il mio giudicio noi

onestamente abbiam fatto; per ciò che, se io ho saputo ben riguardare, quantunque liete novelle e forse attrattive

a concupiscenzia dette ci sieno, e del continuo mangiato e bevuto bene, e sonato e cantato, cose tutte da incitare

le deboli menti a cose meno oneste, niuno atto, niuna parola, niuna cosa né dalla vostra parte né dalla nostra ci ho

conosciuta da biasimare; continua onestà, continua concordia, continua fraternal dimestichezza mi ci è paruta

vedere e sentire. Il che senza dubbio in onore e servigio di voi e di me m'è carissimo. E per ciò, acciò che per

troppa lunga consuetudine alcuna cosa che in fastidio si convertisse nascer non ne potesse, e perché alcuno la

nostra troppo lunga dimoranza gavillar non potesse, e avendo ciascun di noi, la sua giornata, avuta la sua parte

dell'onore che in me ancora dimora, giudicherei, quando piacer fosse di voi, che convenevole cosa fosse omai il

tornarci là onde ci partimmo. Senza che, se voi ben riguardate, la nostra brigata, già da più altre saputa dattorno,

per maniera potrebbe multiplicare che ogni nostra consolazion ci torrebbe; e per ciò, se voi il mio consiglio

approvate, io mi serverò la corona donatami per infino alla nostra partita, che intendo che sia domattina; ove voi

altramenti diliberaste, io ho già pronto cui per lo dì seguente ne debbia incoronare. I ragionamenti furon molti tra le donne e tra'giovani, ma ultimamente presero per utile e per onesto il consiglio

del re, e così di fare diliberarono come egli aveva ragionato; per la qual cosa esso, fattosi il siniscalco chiamare,

con lui del modo che a tenere avesse nella seguente mattina parlò, e licenziata la brigata infino all'ora della cena,

in piè si levò. Le donne e gli altri levatisi, non altramenti che usati si fossero, chi ad un diletto e chi ad un altro si diede. E l'ora

del la cena venuta, con sommo piacere furono a quella, e dopo quella a cantare e a sonare e a carolare

cominciarono; e menando la Lauretta una danza, comandò il re alla Fiammetta che dicesse una canzone, la quale

assai piacevolmente così in cominciò a cantare:

S'amor venisse senza gelosia, io non so donna nata lieta com'io sarei, e qual vuol sia.

Se gaia giovinezza in bello amante dee donna appagare, o pregio di virtute, o ardire o prodezza, senno, costume o ornato parlare, o leggiadrie compiute, io son colei per certo in cui salute, essendo innamorata, tutte le veggio en la speranza mia.

Ma per ciò ch'io m'avveggio che altre donne savie son com'io, io triemo di paura, e pur credendo il peggio, di quello avviso en l'altre esser disio ch'a me l'anima fura, e così quel che m'è somma ventura mi fa isconsolata sospirar forte e stare in vita ria.

Se io sentissi fede nel mio signor, quant'io sento valore, gelosa non sarei; ma tanto se ne vede, pur che sia chi 'nviti l'amadore, ch'io gli ho tutti per rei. Questo m'accuora, e volentier morrei, e di chiunque il guata sospetto, e temo non mel porti via.

Per Dio dunque ciascuna donna pregata sia che non s'attenti di farmi in ciò oltraggio; ché, se ne fia nessuna che con parole o cenni o blandimenti in questo il mio dannaggio cerchi o procuri, s'io il risapraggio, se io non sia svisata, piagner farolle amara tal follia.

Come la Fiammetta ebbe la sua canzone finita, così Dioneo, che allato l'era, ridendo disse: - Madonna, voi fareste una gran cortesia a farlo cognoscere a tutte, acciò che per ignoranza non vi fosse tolta la

possessione, poi che così ve ne dovete adirare. Appresso questa se ne cantarono più altre, e già essendo la notte presso che mezza, come al re piacque, tutti

s'andarono a riposare. E come il nuovo giorno apparve, levati, avendo già il siniscalco via ogni lor cosa mandata, dietro alla guida del

discreto re verso Firenze si ritornarono. E i tre giovani, lasciate le sette donne in Santa Maria Novella, donde con

loro partiti s'erano, da esse accommiatatisi, a loro altri piaceri attesero; ed esse, quando tempo lor parve, se ne

tornarono alle loro case.


Conclusione dell'Autore

Nobilissime giovani, a consolazion delle quali io a così lunga fatica messo mi sono, io mi credo, aiutantemi la

divina grazia, sì come io avviso, per li vostri pietosi prieghi, non già per li miei meriti, quello compiutamente aver

fornito che io nel principio della presente opera promisi di dover fare; per la qual cosa Iddio primieramente, e

appresso voi ringraziando, è da dare alla penna e alla man faticata riposo. Il quale prima che io le conceda,

brievemente ad alcune cosette, le quali forse alcuna di voi o altri potrebbe dire (con ciò sia cosa che a me paia

esser certissimo queste non dovere avere spezial privilegio più che l'altre cose, anzi non averlo mi ricorda nel

principio della quarta giornata aver mostrato), quasi a tacite quistioni mosse, di rispondere intendo. Saranno per avventura alcune di voi che diranno che io abbia nello scriver queste novelle troppa licenzia usata, sì

come fare alcuna volta dire alle donne e molte spesso ascoltare cose non assai convenienti né a dire né ad

ascoltare ad oneste donne. La qual cosa io nego, per ciò che niuna sì disonesta n'è, che, con onesti vocaboli

dicendola, si disdica ad alcuno; il che qui mi pare assai convenevolmente bene aver fatto. Ma presupponiamo che così sia (ché non intendo di piatir con voi, che mi vincereste), dico, a rispondere perché io

abbia ciò fatto, assai ragioni vengon prontissime. Primieramente se alcuna cosa in alcuna n'è, la qualità delle

novelle l'hanno richesta, le quali se con ragionevole occhio da intendente persona fien riguardate, assai aperto

sarà conosciuto (se io quelle della lor forma trar non avessi voluto) altramenti raccontar non poterle. E se forse

pure alcuna particella è in quelle, alcuna paroletta più liberale che forse a spigolistra donna non si conviene, le

quali più le parole pesano che'fatti e più d'apparer s'ingegnano che d'esser buone, dico che più non si dee a me

esser disdetto d'averle scritte, che generalmente si disdica agli uomini e alle donne di dir tutto dì "foro e caviglia e

mortaio e pestello e salciccia e mortadello",e tutto pieno di simiglianti cose. Senza che alla mia penna non dee

essere meno d'autorità conceduta che sia al pennello del dipintore, il quale senza alcuna riprensione, o almen

giusta, lasciamo stare che egli faccia a san Michele ferire il serpente con la spada o con la lancia, e a san Giorgio il

dragone dove gli piace; ma egli fa Cristo maschio ed Eva femina, e a Lui medesimo che volle per la salute della

umana generazione sopra la croce morire, quando con un chiovo e quando con due i piè gli conficca in quella. Appresso assai ben si può cognoscere queste cose non nella chiesa, delle cui cose e con animi e con vocaboli

onestissimi si convien dire (quantunque nelle sue istorie d'altramenti fatte, che le scritte da me, si truovino assai),

né ancora nelle scuole de'filosofanti, dove l'onestà non meno che in altra par te è richesta, dette sono, né

tra'cherici né tra'filosofi in alcun luogo, ma ne'giardini, in luogo di sollazzo, tra persone giovani, benché mature e

non pieghevoli per novelle, in tempo nel quale andar con le brache in capo per iscampo di sé era alli più onesti

non disdicevole, dette sono. Le quali, chenti che elle si sieno, e nuocere e giovar possono, sì come possono tutte l'altre cose, avendo riguardo

allo ascoltatore. Chi non sa ch'è il vino ottima cosa a'viventi, secondo Cinciglione e Scolaio e assai altri, e a colui

che ha la febbre è nocivo? Direm noi, per ciò che nuoce a'febricitanti, che sia malvagio? Chi non sa che 'l fuoco è

utilissimo, anzi necessario a'mortali? Direm noi, per ciò che egli arde le case e le ville e le città, che sia malvagio?

L'arme similmente la salute difendon di coloro che pacificamente di viver disiderano, e anche uccidon gli uomini

molte volte, non per malizia di loro, ma di coloro che malvagiamente l'adoperano. Niuna corrotta mente intese mai sanamente parola; e così come le oneste a quella non giovano, così quelle che

tanto oneste non sono la ben disposta non posson contaminare, se non come il loto i solari raggi o le terrene

brutture le bellezze del cielo. Quali libri, quali parole, quali lettere son più sante, più degne, più riverende, che quelle della divina Scrittura? E sì

sono egli stati assai che, quelle perversamente intendendo, sé e altrui a perdizione hanno tratto. Ciascuna cosa in

sé medesima è buona ad alcuna cosa, e male adoperata può essere nociva di molte; e così dico delle mie novelle.

Chi vorrà da quelle malvagio consiglio o malvagia operazion trarre, elle nol vieteranno ad alcuno, se forse in sé

l'hanno, e torte e tirate fieno ad averlo; e chi utilità e frutto ne vorrà, elle nol negheranno, né sarà mai che altro

che utili e oneste sien dette o tenute, se a que'tempi o a quelle persone si leggeranno, per cui s e pe'quali state

sono raccontate. Chi ha a dir paternostri o a fare il migliaccio o la torta al suo divoto, lascile stare: elle non

correranno di dietro a niuna a farsi leggere; benché e le pinzochere altressì dicono e anche fanno delle cosette otta

per vicenda. Saranno similmente di quelle che diranno qui esserne alcune, che non essendoci sarebbe stato assai meglio.

Concedasi: ma io non poteva né doveva scrivere se non le raccontate, e per ciò esse che le dissero le dovevan dir

belle, e io l'avrei scritte belle. Ma se pur presupporre si volesse che io fossi stato di quelle e lo 'nventore e lo

scrittore (che non fui), dico che io non mi vergognerei che tutte belle non fossero per ciò che maestro alcun non si

truova, da Dio in fuori, che ogni cosa faccia bene e compiutamente; e Carlo Magno, che fu il primo facitore

de'Paladini, non ne seppe tanti creare che esso di lor soli potesse fare oste. Conviene nella moltitudine delle cose, diverse qualità di cose trovarsi. Niun campo fu mai sì ben coltivato, che in

esso o ortica o triboli o alcun pruno non si trovasse mescolato tra l'erbe migliori. Senza che, ad avere a favellare a

semplici giovinette come voi il più siete, sciocchezza sarebbe stata l'andar cercando e faticandosi in trovar cose

molto esquisite, e gran cura porre di molto misuratamente parlare. Tuttavia chi va tra queste leggendo, lasci star

quelle che pungono, e quelle che dilettano legga. Esse, per non ingannare alcuna personar tutte nella fronte

portan segnato quello che esse dentro dal loro seno nascoso tengono. E ancora, credo, sarà tal che dirà che ce ne son di troppo lunghe. Alle quali ancora dico, che chi ha altra cosa a

fare, follia fa a queste leggere, eziandio se brievi fossero. E come che molto tempo passato sia da poi che io a

scriver cominciai, infino a questa ora che io al fine vengo della mia fatica, non m'è per ciò uscito di mente me

avere questo mio affanno offerto alle oziose e non all'altre; e a chi per tempo passar legge, niuna cosa puote esser

lunga, se ella quel fa per che egli l'adopera. Le cose brievi si convengon molto meglio agli studianti, li quali non per passare ma per utilmente adoperare il

tempo faticano, che a voi, donne, alle quali tanto del tempo avanza quanto negli amorosi piaceri non ispendete. E

oltre a questo, per ciò che né ad Atene né a Bologna o a Parigi alcuna di voi non va a studiare, più distesamente

parlar vi si conviene che a quegli che hanno negli studi gl'ingegni assottigliati. Né dubito punto che non sien di quelle ancor che diranno le cose dette esser troppo piene e di motti e di ciance e

mal convenirsi ad uno uom pesato e grave aver così fattamente scritto. A queste son io tenuto di render grazie e

rendo, per ciò che, da buon zelo movendosi, tenere son della mia fama. Ma così alla loro opposizione vo'rispondere: io confesso d'esser pesato, e molte volte de'miei dì essere stato; e per

ciò, parlando a quelle che pesato non m'hanno, affermo che io non son grave, anzi son io sì lieve che io sto a galla

nell'acqua; e considerato che le prediche fatte da'frati, per rimorder delle lor colpe gli uomini, il più oggi piene di

motti e di ciance e di scede [sono], estimai che quegli medesimi non stesser male nelle mie novelle, scritte per

cacciar la malinconia delle femine. Tuttavia, se troppo per questo ridessero, il lamento di Geremia, la passione del

Salvatore e il ramarichio della Maddalena ne le potrà agevolmente guerire. E chi starà in pensiero che di quelle ancor non si truovino che diranno che io abbia mala lingua e velenosa, per ciò

che in alcun luogo scrivo il ver de'frati? A queste che così diranno si vuol perdonare, per ciò che non è da credere

che altra che giusta cagione le muova, per ciò che i frati son buone persone e fuggono il disagio per l'amor di Dio,

e macinano a raccolta e nol ridicono; e se non che di tutti un poco viene del caprino, troppo sarebbe più piacevole

il piato loro. Confesso nondimeno le cose di questo mondo non avere stabilità alcuna, ma sempre essere in mutamento, e così

potrebbe della mia lingua esser intervenuto; la quale, non credendo io al mio giudicio (il quale a mio potere io

fuggo nelle mie cose) non ha guari mi disse una mia vicina che io l'aveva la migliore e la più dolce del mondo; e

in verità, quando questo fu, egli erano poche a scrivere delle soprascritte novelle. E per ciò che animosamente

ragionan quelle cotali, voglio che quello che è detto basti lor per risposta. E lasciando omai a ciascheduna e dire e credere come le pare, tempo è da por fine alle parole, Colui umilmente

ringraziando che dopo sì lunga fatica col suo aiuto n'ha al desiderato fine condotto. E voi, piacevoli donne, con la

sua grazia in pace vi rimanete, di me ricordandovi, se ad alcuna forse alcuna cosa giova l'averle lette.


Qui finisce la decima e ultima giornata del libro chiamato Decameron, cognominato prencipe galeotto

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Also on FANDOM

Random Wiki